MIAIRPORTS_ARTICLE

Trekking in Lombardia. Milan Airports.

Attivita' Sportiva

Trekking in Lombardia

Che sia un percorso in più tappe o una tranquilla camminata di poche ore, una sfida con se stessi o una gita tra amici, fare trekking permette di evadere dalla frenesia di tutti i giorni, mentre l’incedere lento consente di ritrovare il contatto con la natura e sentirsi in armonia con l’ambiente circostante.
Trekking in Lombardia

Che sia un percorso in più tappe o una tranquilla camminata di poche ore, una sfida con se stessi o una gita tra amici, fare trekking permette di evadere dalla frenesia di tutti i giorni, mentre l’incedere lento consente di ritrovare il contatto con la natura e sentirsi in armonia con l’ambiente circostante.

Alta montagna, alla ricerca della meta perfetta

La Lombardia è una delle regioni italiane che offre i percorsi di montagna più belli, quindi per chi vuole fare trekking ha solo l’imbarazzo della scelta, tra percorsi di varia difficoltà e lunghezza pensati per escursionisti esperti e itinerari meno impegnativi adatti ai principianti, alle famiglie o a chi semplicemente preferisce fare una piacevole passeggiata immerso nei profumi e nei colori lombardi. I tanti rifugi situati lungo il cammino, infine, rappresentano l’occasione perfetta per un assaggio della cucina locale, oltre ad essere un punto di appoggio durante l’itinerario.

Per i più esperti

Tra le mete più interessanti, da menzionare certamente l’Alta Via dell’Adamello, conosciuta anche come “Sentiero n. 1”: 85 km da percorrere in più tappe, attraverso un tragitto che si snoda tra i 2000 e i 3000 metri di altitudine, immerso nella natura del Parco dell’Adamello; un percorso di media difficoltà che presenta alcuni passaggi più complessi.

Tra Val Codera e Val Masino, invece, si trova il Sentiero Roma, che rappresenta una delle più classiche e affascinanti delle escursioni sulle Alpi centrali, compresa tra i 2100 metri del rifugio Omio e i 2950 metri del passo Cameraccio.

Infine, i più avventurosi possono cimentarsi con il Sentiero Glaciologico nel Parco Nazionale dello Stelvio, che si snoda nella Valle dei Forni, in Valfurva, e arriva fino ai piedi del ghiacciaio: qui un ponte tibetano sul torrente Frodolfo farà vivere l’emozionante attraversata sospesi sull’acqua. In questa zona, inoltre, sono frequenti gli avvistamenti di stambecchi, caprioli, marmotte e volpi, che spesso si avventurano fino ai rifugi per la gioia degli escursionisti.

Vette alpine

Trekking per tutti

Il Sentiero delle Orobie, che collega Bergamo e Lecco, incornicia uno scenario che stupisce per l’abbondanza di torrenti e fiumi, come la Cascata del Serio a Valbondione (la più alta d’Italia).

Il Parco delle Orobie bergamasche è noto a livello europeo come uno dei territori a più elevata biodiversità, ne è un esempio il suggestivo Sentiero dei fiori e delle farfalle.

Nelle vicinanze i più fortunati riusciranno a scorgere la Cattedrale Vegetale, una struttura costruita interamente da materiale vegetale locale, secondo l'antica arte dell'intreccio e facendo uso di legno flessibile, chiodi e corde.

Chi, invece, è alla ricerca di un itinerario più breve può cimentarsi con il percorso al lago Palù, una meta classica della Valmalenco: il lago si trova a 1921 metri di altezza e si raggiunge grazie a una piacevole passeggiata di 4 km, attraverso boschi di conifere e larici.

Un altro percorso per tutta la famiglia è quello che da Linzanico conduce alla Cascata del Chenghen, il “gioiello della Grigna”: un sentiero ricco di scorci sul lago di Como che porta alla Grigna Meridionale e alla sua elegante Cresta Segantini.

Le Grigne

Chi ama i percorsi più impegnativi, ma di sicura soddisfazione, può dirigersi verso il Gruppo delle Grigne che, con la sua sagoma inconfondibile, domina il paesaggio lecchese del lago manzoniano. All’interno del gruppo si distinguono la Grigna Settentrionale, comunemente chiamata Grignone per i suoi 2410 metri di altitudine, sulla cui cima si trova il famoso rifugio Brioschi, e la Grigna Meridionale, conosciuta come Grignetta (2111 metri), molto apprezzata per il magnifico ambiente naturale che offre una vasta scelta di percorsi per il trekking, l'alpinismo e l'arrampicata.

Se invece preferite il lago

“Anche il paese/piccolo e leggermente acclive/ porgeva al lago/l’armonico incanto/di un suo scorcio...” così parlava Herman Hesse della vista del lago, e la Lombardia è la regione ideale per un’escursione ai laghi, grazie alla sua incredibile offerta, che dal Lago Maggiore arriva fino al lago di Garda; una regione interamente disseminata di piccoli e grandi laghi, alcuni anche balneabili, tutti capaci di regalare incredibili emozioni e scorci suggestivi.

Il Lago Maggiore

Nella parte occidentale della Lombardia, al confine con il Piemonte, il Verbano è una delle mete preferite per il turismo fuori porta. Diviso in “sponda grassa” e “sponda magra”, il Lago Maggiore è un gioiello tutto da scoprire, grazie a un itinerario lungo la costa, da Intra a Luino, che attraversa borghi e paesi incantevoli.

Seguendo il lungolago, si incontra Villa Taranto a Pallanza, custode di un magnifico giardino botanico. Infine, meritano certamente un’escursione anche le isole Borromee e il percorso di trekking che conduce al Sasso del Ferro (nei dintorni di Laveno), dalla cui terrazza panoramica, a oltre 1000 m di altezza, si gode di una vista unica della valle dei laghi e della maestosa catena delle Alpi.

Sulle tracce di Manzoni

Uno dei percorsi più famosi che si sviluppano intorno al lago di Como è certamente il Sentiero del Viandante, un tragitto naturalistico lungo “quel ramo del lago di Como”, come scrive Alessandro Manzoni nel celebre I promessi sposi: da Varenna a Bellano, il sentiero, di circa 9 km, ripercorre le antiche orme dei viandanti che dall’Italia raggiungevano la Francia e la Svizzera.

Questo percorso a più tappe permette di scoprire alcune note località del territorio, dall’affascinante paese di Varenna, con le sue chiese e la passerella sospesa sul lago, al piccolo borgo medievale di pescatori di Corenno Plinio.

Per chi ha già qualche esperienza di trekking, il percorso che conduce alla cima del Berlinghera saprà ripagare della fatica, grazie a uno dei balconi panoramici più belli dell’alto Lario, dove lo sguardo spazia sui territori della Valtellina e del lago.

Per chi, invece, è in cerca di passeggiate più semplici e adatte a tutta la famiglia, ci sono due piacevoli percorsi: la Greenway del lago di Como, un itinerario lungo circa 10 km che si snoda da Colonno a Cadenabbia, tra borghi antichi, chiese romaniche e barocche, e il Sentiero delle Espressioni in Valle Intelvi, un magico cammino che unisce arte e natura, grazie alle numerose sculture intagliate nei tronchi degli alberi.

I laghi orientali, Iseo e Garda

Nella parte orientale della Lombardia, incastonato tra le province di Bergamo e Brescia, si incontra il lago d’Iseo, un piccolo gioiello ricco di panorami unici e incontaminati, tanto che nel 2016 l’artista Jeanne-Claude Christo lo ha scelto come location per la sua installazione temporanea, The Floating Piers: un pontile galleggiante, che collegava Monte Isola all'Isola di San Paolo e alla terraferma, in grado di regalare l’incredibile sensazione di camminare sulle acque.

La sponda meridionale del lago d’Iseo offre numerose escursioni lungo la valle dell’Oglio, come gli affascinanti paesi di Sarnico e Paratico o la Riserva naturale delle Torbiere del Sebino.

Il tour dei laghi lombardi non può che chiudersi in bellezza con il lago di Garda, il più grande per estensione fra i laghi prealpini. Da nord a sud, sono moltissimi i sentieri che si possono percorrere, come il Sentiero della Ponale (l’antica via di collegamento tra Riva del Garda e la Valle di Ledro), che conduce alla cascata del torrente Ponale, o il cammino che da Tremosine conduce al Monte Bestone, dalla cui cima si gode di una vista mozzafiato sul paese di Limone e su tutto il lago.

Lago di Garda

Alla ricerca della Via Francigena

Ripercorrendo le orme di milioni di pellegrini e viandanti, uno dei sentieri di trekking più intrisi di spiritualità è sicuramente la Via Francigena, un importante itinerario culturale (oltre 2000 km), che da Canterbury attraversa il vecchio continente, passando per Francia e Svizzera, fino a giungere a Roma. In Lombardia, la Via Francigena si snoda per oltre 140 km da Palestro, attraversando la Lomellina e il Lodigiano, fino a Corte Sant’Andrea, dove si trova l’imbarco dei pellegrini che vogliono proseguire il cammino oltre il Po.

Lungo il tragitto meritano una sosta Pavia, antica capitale del Regno longobardo dove ha sede una delle università più antiche del mondo (risalente al 1361), il castello di Belgioioso e Vigevano, la città ideale disegnata da Leonardo da Vinci.

I nostri consigli

  • Prima di partecipare a un'escursione è bene informarsi riguardo tutti i dettagli tecnici e, sulla base delle informazioni ricevute, verificare se l'escursione è adeguata alle proprie capacità fisiche.
  • È molto importante utilizzare un abbigliamento adatto, che non ostacoli o affatichi durante il percorso, e portare con sé solo lo stretto necessario: scarponcini o scarpe da trekking, uno zaino comodo e compatto con acqua, cibo e kit di pronto soccorso, giacca a vento o k-way, cappellino e crema solare

Compra online e risparmia

Compra online e risparmia C Compra online e risparmia
Parking
Acquista il tuo parcheggio

Parking

Risparmia di più con le speciali tariffe online!
COMPRA ADESSO
Via Milano Parking
Fast Track

Fast Track

Solo online avrai subito uno sconto del 10%!
Avvolgi bagagli

Avvolgi bagagli

Parti e viaggia in completa sicurezza.

APP

APP A APP
Scarica Milan Airports, l'app ufficiale degli Aeroporti di Milano Malpensa e Milano Linate!Scaricala è gratis!Apple StoreGoogle Play